Gelatina per capsule dure e molli

Prodotte da una miscela di gelatina, glicerolo e/o sorbitolo e acqua, le capsule molli, sono utilizzate per contenere sostanze di vario genere che vengono inserite durante la produzione delle stesse capsule.

Ne esistono di varie forme, colori e contenenti vari tipi di principi attivi solitamente in forma liquida.

Normalmente per la produzione di capsule molli si utilizza una gelatina di medio bloom.

Le capsule dure vengono prodotte con gelatina ad alto bloom seguendo una tecnica ad immersione; si producono due mezze capsule che poi vengono assemblate principalmente dalle aziende farmaceutiche che le riempiono con principi attivi e provvedono direttamente alla loro chiusura.

Le capsule dure sono normalmente prodotte usando una gelatina ad alto bloom

Gelatina per compresse

Per questa applicazione vengono sfruttate le proprietà adesive della gelatina per dare struttura alla compressa.

La gelatina viene sottoposta a granulazione umida prima della compressione, la gelatina idrolizzata invece è usata per la compressione diretta.

Il valore del bloom della gelatina utilizzata è fondamentale per la dissoluzione della compressa.

Alto valore di bloom per tempi lunghi, basso valore di bloom per tempi rapidi di dissoluzione.

Gelatina per microincapsulazione

La microincapsulazione permette di cambiare la solubilità e l’aspetto di una sostanza (olio da liquido a polvere), oppure di mascherare odore e sapore sgradevoli della sostanza.

Con la microincapsulazione si può proteggere anche la sostanza dall’ossidazione oppure dall’umidità.

La sostanza da microincapsulare viene dispersa finemente in una soluzione di gelatina e quindi trasformata in una polvere grazie ad un particolare processo di essiccamento successivo.